Ecco come valutare la gravità del mal di pancia di tuo figlio

Ecco come valutare la gravità del mal di pancia di tuo figlio

Ecco come capire quale programma del sonno funziona meglio per te e come rispettarlo.

Di Jessica Migala, 24 novembre 2020

Quello che i documenti del sonno vogliono che tu sappia sul come tornare indietro nel tempo e le giornate invernali più brevi

Questa domenica segna la fine dell’ora legale. Ecco cosa devi sapere prima di riportare l’orologio all’ora solare.

Di Lauren Bedosky, 27 ottobre 2020

Lo studio rileva tassi crescenti di dipendenza da cellulare nei giovani adulti e un collegamento a un sonno peggiore

In un campione di centinaia di studenti universitari, quasi 9 su 10 avevano sintomi di nomofobia, che era collegata a un sonno peggiore e livelli di energia inferiori durante. . .

Di Katherine Lee, 26 ottobre 2020 “

Giochi come le sedie musicali o la danza congelata possono alleviare i sintomi dell’ADHD nei bambini piccoli.

C’è una nuova ricetta per l’ADHD in città: più tempo di gioco.

I genitori possono migliorare i sintomi dell’ADHD dei loro bambini in età prescolare giocando a giochi che si concentrano sullo sviluppo di abilità cognitive specifiche per almeno 30-45 minuti ogni giorno, secondo uno studio del novembre 2013 del Journal of Attention Disorders. Conosciuto come intervento basato sul gioco, questo approccio potrebbe eventualmente diventare un trattamento alternativo popolare per l’ADHD infantile.

Sebbene fosse un piccolo studio preliminare, gli esperti di ADHD hanno affermato che i risultati sono promettenti.

“Mentre andiamo avanti, questo tipo di approccio – in cui giochi divertenti e interessanti sono il veicolo in cui vengono introdotti interventi efficaci – è probabilmente l’approccio che produrrà più successo rispetto all’approccio tradizionale”, ha affermato Gregory Fabiano, PhD, professore associato consulenza, scuola e psicologia dell’educazione presso l’Università di Buffalo, parte del sistema della State University of New York.

Divertirsi, sviluppare cervelli

Studi di imaging cerebrale hanno suggerito che i problemi di concentrazione e comportamento nei bambini con ADHD sono causati da un ritardo nello sviluppo del cervello nelle aree che controllano il pensiero, l’attenzione e la pianificazione.

Nello studio di intervento basato sul gioco, i ricercatori hanno introdotto 29 bambini in età prescolare con ADHD a una raccolta di giochi progettati per migliorare il controllo inibitorio, la memoria di lavoro, l’attenzione, le capacità visuo-spaziali, la pianificazione e le capacità motorie.

CORRELATO: Flessione energetica: i bambini ADHD traggono beneficio dallo yoga

I genitori coinvolti nello studio sono stati quindi incoraggiati a giocare ai giochi per almeno 30-45 minuti al giorno a casa per otto settimane, aumentando il livello di difficoltà secondo necessità. I risultati hanno mostrato che sia i genitori che gli insegnanti hanno valutato i sintomi dell’ADHD dei bambini come meno gravi subito dopo il trattamento e fino a tre mesi dopo la fine del trattamento.

Gli effetti duraturi dei trattamenti potrebbero facilitare lo sviluppo del cervello, migliorare le relazioni genitore-figlio e avere un effetto duraturo sui bambini con ADHD senza droghe, ha affermato Jeffrey M. Halperin, PhD, professore di psicologia al Queens College e al Graduate Center della città Università di New York a New York City e uno dei ricercatori dello studio.

Quali giochi sono buoni per i bambini ADHD?

“Non credo ci sia nulla di magico o speciale nei nostri giochi”, ha detto Halperin. “Piuttosto, mostra che ci sono molte cose che puoi fare con i bambini che possono migliorare la funzione cognitiva, e quelle sono cose in cui vogliamo coinvolgerli piuttosto che farli sedere davanti alla TV tutto il giorno. “

I giochi utilizzati nello studio includevano giochi tradizionali e modificati che prendono di mira diversi processi cerebrali. I seguenti giochi sono stati utilizzati per aiutare i bambini a sviluppare il controllo inibitorio e seguire le indicazioni:

Simon dice: I bambini devono fare quello che dice il leader, come toccarsi le dita dei piedi, ma solo se il leader inizia la frase con “Simon Says. “Semaforo rosso, semaforo verde: i bambini camminano o corrono in avanti ogni volta che il leader dice (o alza un cartello)” Semaforo verde! ” e si bloccano quando sentono “Red Light!” Freeze Dancing: i bambini ballano al ritmo di una canzone allegra finché il leader non interrompe la musica. Quindi devono congelare in posizione fino a quando la musica ricomincia.

I bambini nello studio hanno anche giocato a giochi di memoria di lavoro, che includevano trovare tesori nascosti sotto le tazze, ricordare liste della spesa e nascondere oggetti sotto le coperte.

CORRELATO: 5 modi per aumentare la fiducia del tuo bambino ADHD

Halperin ha detto che molti dei giochi sono stati progettati anche per aiutare i bambini con le loro capacità motorie e l’equilibrio, come il lancio e la cattura di palline progressivamente più piccole e le corse di cucchiai con palline da ping pong bilanciate su cucchiai.

“In sostanza, insegniamo ai genitori come giocare con i loro figli, e questo sembra avere un effetto molto positivo sul rapporto genitore-figlio”, ha detto Halperin.

Family Playtime: un trattamento innovativo per l’ADHD 

Questo studio e altre recenti ricerche sul gioco come trattamento dell’ADHD stanno ridefinendo il concetto tradizionale di terapia del gioco per l’ADHD, secondo Fabiano.

“La terapia del gioco è tradizionalmente pensata come stare seduti uno contro uno con un consulente e giocare con un bambino e poi accade qualcosa di terapeutico”, ha detto. “È stato riscontrato che non è efficace per l’ADHD. “

Ciò che è stato innovativo nello studio di Halperin, secondo Fabiano, è che ha coinvolto la famiglia in attività ricreative a casa, dove le migliori pratiche e gli interventi si intrecciano per trattare l’ADHD. Ciò lo rende particolarmente promettente per il trattamento dell’ADHD a lungo termine. Halperin ha osservato che il passo successivo è testare l’approccio basato sul gioco al trattamento dell’ADHD in uno studio randomizzato e controllato su un gruppo più ampio di bambini.

“L’ADHD è una condizione cronica, quindi l’intervento deve essere sostenuto per un lungo periodo di tempo per mantenere buoni risultati”, ha detto Fabiano. “Se il trattamento è noioso, non coinvolgente o non significativo per le persone a cui ti rivolgi, è improbabile che si iscrivano o lo seguano. “

Iscriviti alla nostra newsletter sul benessere mentale!

Le ultime novità in fatto di ADHD

18 Segnali di pericolo che tuo figlio potrebbe avere l’ADHD

L’irrequietezza e la disattenzione di tuo figlio sono solo un normale comportamento infantile o potrebbe essere un disturbo da deficit di attenzione e iperattività? Impara i segni che. . .

Di Beth W. Orenstein, 13 marzo 2020

Come allevare l’ADHD con il tuo medico

Pensi di avere un disturbo da deficit di attenzione e iperattività degli adulti? C’è un modo giusto e un modo sbagliato per affrontarlo con il tuo medico.

Di Elizabeth Shimer Bowers, 13 marzo 2020

La FDA approva il dispositivo di stimolazione nervosa per l’ADHD

Il gadget delle dimensioni di un cellulare invia segnali terapeutici al cervello per trattare il disturbo da deficit di attenzione e iperattività nei bambini.

Di Don Rauf, 26 aprile 2019

10 consigli per affrontare un bambino iperattivo

Entro il 15 novembre 2017

Sposato con un adulto ADHD?

Entro il 14 novembre 2017

Dormire meglio per gli adulti con ADHD

Entro il 14 novembre 2017

Attività doposcuola per bambini con ADHD

Il modo in cui i bambini con ADHD trascorrono il loro tempo libero può aiutare a migliorare l’attenzione e ridurre i sintomi dell’ADHD. Impara come scegliere le attività del doposcuola per il tuo. . .

Di Madeline R. Vann, MPH, 18 febbraio 2016

Vincere la guerra lavorativa con i bambini ADHD

Convincere i bambini a fare le faccende non è mai facile. Queste strategie possono aiutare quando l’ADHD è un fattore complicante.

Di Beth W. Orenstein, 3 luglio 2014

Suggerimenti per la sopravvivenza per i genitori di bambini con ADHD

Essere genitori di un bambino con ADHD può essere stressante. Questi suggerimenti per la sopravvivenza possono aiutarti a farcela, anche nei giorni più difficili.

Di Beth W. Orenstein, 8 luglio 2010

Gestire l’ADHD quando le routine cambiano

I bambini con ADHD hanno bisogno di una routine prestabilita, ma realisticamente non è sempre possibile. Impara come facilitare le transizioni per tuo figlio.

Di Beth W. Orenstein, 8 luglio 2010 “

Sentire “mi fa male la pancia” da un bambino può incutere timore nel cuore di un genitore.

Il mal di stomaco, tuttavia, è un disturbo comune tra i bambini e la maggior parte è del tutto normale: di solito suggerisce che un bambino ha mangiato troppo o ha bisogno di andare in bagno. Ma come fai a sapere quando i problemi di pancia segnalano qualcosa di più grave?

Ecco come valutare la gravità del mal di pancia di tuo figlio.

Quando il mal di stomaco interferisce con la vita

Mal di stomaco frequenti o cronici potrebbero indicare che qualcosa nel sistema digerente necessita di cure mediche. Tieni presente che i bambini potrebbero dire che il loro stomaco fa male quando il dolore proviene effettivamente da un organo vicino, come l’appendice.

Se il mal di pancia di tuo figlio inizia a interferire con la vita quotidiana – ostacolando la frequenza scolastica o la partecipazione ad eventi come compleanni o partite di calcio -, potrebbe valere la pena fare una visita allo studio del medico. “Non segnala necessariamente la malattia, ma segnala che hanno bisogno di cercare cure mediche”, ha detto Craig Friesen, MD, direttore della divisione di gastroenterologia e direttore medico del programma di dolore addominale al Children’s Mercy Hospital di Kansas City e un professore di pediatria presso la University of Missouri-Kansas City School of Medicine.

La sfida è diversa nei bambini più piccoli. Una bambina potrebbe dire che le fa male la pancia, ma quello che dice in realtà è che ha un movimento intestinale e ha bisogno di usare il bagno. “La maggior parte di quello che faccio con i bambini piccoli è dire loro di andare in bagno e, se fa ancora male, di andare a giocare”, ha detto Friesen. “Se non lo fanno neanche loro, il bambino deve essere valutato. “

I segni più comuni da cercare

I bambini di età inferiore agli 8 anni potrebbero non essere in grado di distinguere tra mal di stomaco e il tipo di dolore che richiede cure mediche urgenti, ha detto Friesen. “Chiedo loro di indicare dove il dolore è peggiore”, ha detto. “Se puntano in basso a destra, potrebbe essere necessario andare al pronto soccorso per l’appendicite. “Quindi, se il dolore di tuo figlio persiste, dovresti cercare di tenere traccia dei sintomi nuovi ed esistenti.

Alcuni degli indicatori che il mal di stomaco di un bambino potrebbe essere grave includono perdita di peso, febbre, vomito significativo, diarrea grave, sangue nelle feci o vomito o dolore nell’addome in alto a destra o in basso a destra. Se un bambino presenta uno qualsiasi di questi sintomi, consultare un medico il prima possibile.

Che cosa causa problemi digestivi nei bambini

Se il dolore è nell’addome in alto a destra, la malattia della colecisti, sebbene rara nei bambini, potrebbe essere il problema. Friesen ha affermato che le cause più comuni sono la colite (infiammazione dell’intestino crasso) o l’irritazione nella prima parte dell’intestino tenue.

Quando il dolore di un bambino è sotto l’ombelico, ha detto Friesen, le cause più comuni sono la sindrome dell’intestino irritabile (IBS), la stitichezza, la colite o una reazione allergica. In circa nove casi su 10, l’IBS o la dispepsia funzionale (indigestione senza una causa nota) sono i disturbi alla base del dolore.

I sintomi dell’IBS, come i movimenti intestinali allentati e più frequenti, si verificano spesso dopo aver mangiato e possono essere trattati con cambiamenti nella dieta, farmaci o probiotici. La dispepsia funzionale può causare sintomi simili a un’ulcera come nausea, vomito, riempimento facile e gonfiore. I trattamenti includono farmaci che riducono l’acidità, che tendono a funzionare bene nei bambini.

La celiachia è un altro problema di cui possono soffrire i bambini. Provoca un’intolleranza permanente al glutine – presente nel grano, nell’orzo, nella segale e in alcuni avena – e può causare dolore addominale, gonfiore e feci molli o dure. Di solito è sufficiente un cambiamento nella dieta per trattarlo.

L’intolleranza al lattosio rende difficile per il corpo elaborare in modo efficiente il lattosio, lo zucchero che si trova nel latte e altri prodotti lattiero-caseari, e può quindi provocare mal di stomaco.

Sebbene entrambe le condizioni non siano così comuni tra i bambini, Friesen ha affermato che l’intolleranza al lattosio emerge in età diverse, principalmente a causa reduslim non funziona delle differenze genetiche. I bambini afroamericani, ad esempio, tendono a sviluppare una reazione allergica ai latticini tra i 3 ei 5 anni, mentre i bambini caucasici di solito la contraggono quando hanno 8 o 10 anni.

Infine, il dolore addominale ricorrente nei bambini è sempre più riconosciuto come un segno iniziale di emicrania. Dal 5 al 15% dei bambini con dolore addominale ricorrente che non è attribuibile a nessun’altra fonte può essere soggetto ad emicrania.

Anche se è probabile che la maggior parte dei problemi di pancia passino, riconoscere alcuni dei segni più preoccupanti e sapere quando chiamare il medico farà sentire meglio te e tuo figlio, prima.

Iscriviti alla nostra Newsletter sulla salute dell’apparato digerente!

Le ultime novità in fatto di salute dell’apparato digerente

Il legame tra il tuo microbioma intestinale e la tua salute

Scopri questo campo di studio emergente e quali misure puoi intraprendere per mantenere equilibrato il tuo microbioma intestinale.

Di Erica Patino, 10 giugno 2020

9 segni di un intestino malsano e cosa puoi fare al riguardo

Una volta identificato cosa cercare, puoi elaborare un piano per rimettere in sesto il tuo istinto.

Di Erica Patino, 10 giugno 2020

I probiotici non sono consigliati per la maggior parte delle condizioni digestive, affermano le nuove linee guida

Nelle nuove linee guida, l’American Gastroenterological Association afferma che non ci sono prove concrete che i probiotici possano trattare condizioni come il morbo di Crohn. . .

Di Lisa Rapaport, 10 giugno 2020

L’esposizione a sostanze chimiche tossiche nei giovani è legata alla celiachia, suggerisce un piccolo studio

Le cosiddette sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino che si trovano in prodotti come pesticidi, pentole antiaderenti e ritardanti di fiamma utilizzati su vestiti e tappezzeria. . .

Di Lisa Rapaport, 21 maggio 2020

Il trapianto fecale può aiutare alcuni infettati da batteri resistenti agli antibiotici

Gli esperti avvertono che sono necessarie ulteriori ricerche per testare l’efficacia di questo approccio alternativo all’assistenza.

Di Linda Thrasybule, 20 maggio 2020

8 modi in cui i probiotici possono aumentare la salute dell’apparato digerente

Gli alimenti e gli integratori probiotici possono aiutare ad alleviare una serie di problemi digestivi. Scopri cosa c’è di bello in questo “batteri buoni. “

Di Erica Patino, 12 maggio 2020

L’aceto di sidro di mele può aiutare a curare il Crohn?

Non ci sono prove di alcun effetto terapeutico sull’IBD negli esseri umani, ma in teoria l’aceto di sidro di mele potrebbe essere utile.

Di Quinn Phillips, 21 gennaio 2020

Zantac ha tirato fuori dagli scaffali della farmacia per timori di cancerogeni

Sebbene i farmaci contenenti ranitidina non siano stati ritirati, i negozi stanno agendo con molta cautela. Scopri se dovresti continuare. . .

Di Becky Upham, 3 ottobre 2019

7 consigli per viaggiare con malattie infiammatorie intestinali

Di Tina Aswani Omprakash, 30 agosto 2019

Il ritiro IBD lungo un fine settimana mi ha aiutato a possedere il mio Crohn

La blogger di Everyday Health Tina Aswani Omprakash descrive la sua esperienza in un ritiro di un fine settimana per donne che convivono con IBD.

Di Tina Aswani Omprakash, 23 agosto 2019 “

Una malattia che colpisce le articolazioni, l’artrite psoriasica può essere dolorosa e debilitante.

Quasi un terzo delle persone con la psoriasi malattia autoimmune sviluppa l’artrite psoriasica. Una malattia che colpisce le articolazioni, l’artrite psoriasica può essere dolorosa e debilitante ei suoi sintomi possono essere innescati o peggiorati da una varietà di cose.

Non è chiaro cosa induca qualcuno a sviluppare la psoriasi o l’artrite psoriasica. I geni sembrano svolgere un ruolo, con circa il 10% delle persone che ereditano geni che li predispongono alla psoriasi, secondo la National Psoriasis Foundation, anche se solo il 2-3% sviluppa effettivamente la malattia.

È anche probabile che lo sviluppo dell’artrite psoriasica derivi da una combinazione di geni e dall’esposizione a un complesso mix di fattori scatenanti esterni. Questi fattori scatenanti variano notevolmente da una persona all’altra e solo pochi sono stati supportati da studi scientifici.